Continua la rubrica a cadenza settimanale sul nostro sito, siamo al nono appuntamento col matrimonio fra notizia e poesia con i versi di Elvio Ceci. La parola “Sentiment” è stata coniata intorno agli anni Duemila ed è usata in linguistica per coprire diversi fenomeni, come per esempio attitudini, atteggiamenti (positivi-negativi-neutri espressi) in una serie di testi. Elvio qui prova a cantare il Sentiment che arriva dalle news e a renderlo fisso per sempre: è uno spazio dedicato ad ora. Perché questo momento sta passando. E deve essere cantato. Ogni settimana, le notizie che più girano in rete e nei bar. Il presente è eterno.

È passato un altro giorno: è tramonto.

Gli amici cinguettano nel cellulare

con foto di spiagge e mare: è un affronto

per me che sono rimasto qui a studiare

i dati di migrazioni marine che confronto

con correnti e popolazioni di piante rare

sul fondale. Nel CNR di Mazara del Vallo

studio il mare, con carta penna e qualche callo.

 

E scorrono i dati dell’esodo: dopo un intervallo

di centro destra, la lega e il movimento di grillo

hanno rubato voti al vecchio, brianzolo, gallo;

l’unico fu in Liguria dove il topo, suo gingillo,

gira, brillo, con la sigaretta. Dal piedistallo

marmoreo, Renzi inciampa ma tranquillo

si finge: non ha voluto vincere in Liguria

e non ha sconfitto il De Luca, la Furia.

 

L’acqua è generosa; ma se si ha incuria

di lei, divora, cannibale, quello che cade.

Così Yangtze calmo, quasi fosse un’anguria,

ha mangiato 400 persone, portandole nell’Ade,

quasi come ribellione ad antica ingiuria

di uomo. Galleggio grigio ormai monade

in quella tavola bagnata confusa col cielo

che incosciente mai capirà questo lo sfacelo.

 

cerimonia funebre per le vittime del naufragio nello Yangtze in Cina

cerimonia funebre per le vittime del naufragio nello Yangtze in Cina

 

Davanti a grafici e a schemi, con molto zelo,

vedo la riproduzione dei pesci: ma volontario

è il mio contenimento. Chiusi in grattacielo

sottoterra in Ucraina, hanno perso l’ausiliario

aiuto elettrico, dovuto alla guerra: ennesimo velo

di dolore steso su impotenti. Un triste cifrario

di morti anche quello che colpì la decina

di italiani che visitavano la sorella Argentina.

 

La statistica negli articoli è pozione viperina

per le ipotesi scientifiche; ma onestamente

rende forti gli studi. In Turchia una repentina

rete civile s’unisce contro i brogli velocemente:

che non si ripeta il black out che, come mina,

ha fatto saltare i seggi contrari al Presidente.

Superare il 10% è lo scopo del nuovo partito

curdo, per cui il fondo etnico è ormai finito.

 

Non scorderò mai il viso deciso e sfinito

di quei ragazzi con dei figli in pancia

stretti come sardine in un arrugginito

motoscafo. Li abbiamo raccolti come arancia

dolce e portati in Italia: ognuno è stato gestito

da Chiesa, Destra, Sinistra con la bilancia

dell’euro; senza ascoltare il profondo racconto

che sono pronti a dare a noi come acconto.

 

The following two tabs change content below.
Elvio Ceci

Elvio Ceci

Elvio Ceci è nato a Roma nel 1987; si è laureato, nella triennale, in Linguistica a Bologna su una tesi in analisi dei linguaggi interni a sistemi connessionisti, come mente cervello e web. Ha frequentato una laurea specialistica a Siena in Studi Linguistici e Cognitivi, con una tesi in Logica dei Linguaggi Naturali, studiando il Paradosso della Conoscibilità. Ha vinto il PhD presso l’università americana Constantinian University con un progetto di analisi dei linguaggi finanziari attraverso metodi formali e computazionali. È responsabile dell’area di Linguaggio e Logica presso il centro studi Glocal University Network. Ha pubblicato una sua raccolta di poesie dal titolo "Dall’assurdo segue ogni cosa".
Tags: , , , , , , , ,