maria de filippi luca argentero

Foto: www.sorrisi.com

Qualche giorno fa il noto attore Luca Argentero è stato ospite di Maria De Filippi nell’indistruttibile programma Mediaset “C’è posta per te”. Non una novità fedelmente detta quella che unisce personaggi dello show business alla capo-postina con la voce rauca che ogni tanto, sappiamo, abbaia.

L’Argentero, che dopo mesi di Grande Fratello si è specializzato nell’arte recitativa diventando uno dei più bravi teatranti della Penisola, ha accetto l’invito della signora Laura, moglie di Fabio (ricevente della posta), per cercare di mediare emotivamente sulla storia dei due. Una storia di amore e tragedia che vede l’uomo protagonista di una morte, quella della prima moglie, durante il parto che ha dato alla luce la figlia poi adottata legalmente da Laura.

La presenza dell’ex gieffino non è casuale. Perché in Solo un padre, pellicola del 2008, l’attore è il protagonista di una storia identica. Un simbolo, dunque, che voleva essere il modus operandi per uscire da uno stato inquieto, di dolore, che i poeti sanno raccontare. Spesso in uno stanzino con poca luce che qui potremmo ironicamente definire “bunker dell’anima”. Ma ci sta che il poeta o la poesia vengano in avanscoperta, addirittura davanti a milioni di telespettatori.

Ebbene sì, anche la poesia (come i personaggi dello show business) va in tivvù. Dunque Argentero, probabilmente consigliato, ha letto i versi di “Come ti si dovrebbe baciare” di Erich Fried. Versi che fanno così:

Quando ti bacio / non è solo la tua bocca / non è solo il tuo ombelico / non è solo il tuo grembo / che bacio / io bacio anche le tue domande / e i tuoi desideri / bacio il tuo riflettere / e il tuo coraggio…

Senza dubbio parole d’amore. Ma anche di volontà soggettiva, dell’istinto umano che sta, appunto, nell’espressione delle labbra che si toccano. Non sta a noi chiarire se i versi di Fried fossero indicati per quella situazione. Ma certo vogliamo essere felici, quasi euforici, per aver assistito a un momento di poesia nel piccolo schermo. Cosa rara come l’amore.

 

The following two tabs change content below.
Daniele Campanari

Daniele Campanari

Speaker a Radio Luna
Daniele Campanari è nato a Latina nel 1988. Ha pubblicato i libri di poesia “Giocatore di whisky Bevitore di poker” (Lettere Animate – 2012; prefazione di Davide Rondoni) e “In guerra non ci sono mai stato” (Lettere Animate – 2014; prefazione di Paolo Di Paolo e Nicola Bultrini). Alcuni suoi versi sono apparsi sul blog RaiNews diretto da Luigia Sorrentino. È speaker radiofonico per RadioLuna (Latina).
Tags: , , , ,