LOC serata Acqua 5-12-15

La poesia, la fotografia, e dunque anche il cinema e il teatro: le arti tornano a parlarsi sabato 5 Dicembre a Fondi alla presentazione del volume “Fondi per/corsi d’acqua” curato da Marco Grossi e ideato dalle Associazioni “Giuseppe De Santis” e “Libero de Libero”. Si tratta di una pubblicazione che pone al centro la città di Fondi, con le sue infinite vesti e la sua cangiante paesaggistica, vista, però, con gli occhi di due visitatori d’eccezione; una sorta di rivisitazione contemporanea di quel “Grand Tour” che solo nobili e intellettuali poterono permettersi nei secoli scorsi.

 

Rodolfo Di Biasio 'visto' dal fotografo Roberto Vignoli

Rodolfo Di Biasio ‘visto’ dal fotografo Roberto Vignoli

Rodolfo Di Biasio ha ricevuto per primo il Premio di Poesia “Solstizio” alla Carriera 2015, sezione alla sua prima edizione all’interno del secondo Festival poetico “verso Libero” che si è tenuto a Fondi (Lt) dal 2 al 4 ottobre scorso. Rodolfo ha ricevuto questo riconoscimento dall’associazione “Libero de Libero” con la motivazione che pubblichiamo quest’oggi a cura di Domenico Adriano, poeta che lo conosce molto bene e che ha intitolato questo suo bell’intervento “Le radici ineludibili”. A caldo il poeta di Formia ci ha confessato: “Vi ringrazio perché in vita de Libero avrebbe voluto premiarmi in un importante concorso, ma non ci riuscì. Ora lo fate voi ed è come se lo ricevessi dalle sue mani”.

 

La locandina della mostra fotografica di De Luca

La locandina della mostra fotografica di De Luca

«Franco De Luca è poeta colto, ironico, fumante, affetto da “clic” fotografico. Bacco e Venere lo proteggono. È persona amabile e riservata. Evita l’ostentazione e il vanto dei propri meriti. Parla e sparla poco, con un tono di voce moderato, per cui devi avere buon orecchio per percepirlo. Ma in bocca ha le parole giuste. In testa e nelle tasche trovi tracce di poesia».

Il manifesto del Festival

Il manifesto del Festival

Ottobre è vicino e con lui anche la seconda edizione del Festival poetico “verso Libero”. Già, poetico. Un Festival può essere poetico? Un Festival non è sempre poetico? Il motivo è semplice: la poesia è al centro della tre giorni ed è anche l’obiettivo finale, nonché punto di raccordo. Perché si dice che un brano musicale è una poesia? Chi non ha mai detto che quella prosa è una poesia? Qualcuno si è fermato davanti ad un quadro perché gli sembrava particolarmente poetico? Perché sentiamo dire che quella fotografia ha un che di poetico? Spesso la poesia risposte non dà, ma pone domande nuove, mai poste prima. Il programma che proponiamo è piuttosto variegato, date un’occhiata e passate a trovarci a Fondi (Lt) dal 2 al 4 ottobre nel complesso di San Domenico, centro del nuovo e dell’antico. Come la poesia, tra le arti più longeve al mondo.

An ornate hearse pulled by six, black-plumed horses, carries the body of Casamonica to a Roman Catholic basilica in the Rome suburbs, where the funeral mass was celebrated

Dopo una pausa estiva, ecco tornare l’appuntamento numero 16 per la rubrica sul nostro sito sempre alle prese col matrimonio fra notizia e poesia i versi di Elvio Ceci, pur tra mesti e polemici funerali. Perché “Sentiment”? La parola “Sentiment” è stata coniata intorno agli anni Duemila ed è usata in linguistica per coprire diversi fenomeni, come per esempio attitudini, atteggiamenti (positivi-negativi-neutri espressi) in una serie di testi. Elvio qui prova a cantare il Sentiment che arriva dalle news e a renderlo fisso per sempre: è uno spazio dedicato ad ora. Perché questo momento sta passando. E deve essere cantato. Ogni settimana, le notizie che più girano in rete e nei bar. Il presente è eterno.