Il poeta Mario Mastrangelo

Il poeta Mario Mastrangelo

Mario Mastrangelo, poeta dialettale di origini campane, sarà l’ultimo ospite dell’anno scolastico 2014/2015 del liceo “Leonardo Da Vinci” di Terracina giovedì 28 maggio alle ore 15. Nell’Aula Magna della scuola dialogherà con gli studenti, con i docenti e con il pubblico presente nell’ambito del Progetto  “L’albero della poesia – Incontri con la poesia contemporanea”, giunto a conclusione del suo secondo anno. Mastrangelo presenterà, in particolare, il suo ultimo libro “Nisciuna voce”, edito da Raffaelli (Rimini). A seguire il poetry slam con i ragazzi della scuola.

L’iniziativa degli incontri tra poeti contemporanei e la scuola è al suo ultimo appuntamento della seconda edizione e nasce dalla collaborazione tra docenti e studenti del Liceo  “Leonardo da Vinci” e l’Associazione culturale “Libero de Libero”, con l’intento di sfatare il luogo comune che la poesia sia un genere letterario “difficile”, persuadere del contrario e soprattutto trasmettere il valore educativo, salvifico e conoscitivo della poesia. L’iniziativa è al suo primo appuntamento con l’autore e verterà sul rapporto tra poesia e scienza. L’incontro è aperto a tutti gli “amanti” e “curiosi” della poesia nello spirito della condivisione.

Gli incontri con la poesia contemporanea sono alla loro seconda edizione e quest’anno sono stati ripresi e voluti grazie al successo ottenuto nello scorso anno scolastico. La rassegna si chiuderà dunque giovedì 28 maggio con un poetry slam alle ore 17 in cui i ragazzi potranno leggere i loro versi ed essere “giudicati” da una giuria popolare: i tre vincitori avranno in premio libri e la possibilità di prendere parte da protagonisti al Festival di poesia contemporanea “verso Libero” che si terrà a Fondi nei primi giorni di ottobre. Gli altri ospiti di questa edizione de “L’albero della poesia” sono stati Roberto Maggiani, Rodolfo Di Biasio, Biancamaria Frabotta e Adelelmo Ruggeri.

la locandina dell'evento

la locandina dell’evento

***

Mario Mastrangelo (Salerno, 1946) scrive prevalentemente nel dialetto della sua città. Ha pubblicato finora  sette raccolte di poesie dialettali, dal 1992 al 2011,l’ultima, Nisciuna voce (Nessuna voce), con prefazione di Franco Loi. Le altre raccolte sono:  ‘E penziere r’ ‘a notte (I pensieri della notte), Palladio, Salerno, 1992, ‘E terature r’ ‘a mente  (I cassetti della mente ) Ripostes, Roma-Salerno, 1994, ‘E ttegole r’ ‘o core, (Le tegole del cuore), Ripostes, Roma-Salerno, 1997, ‘O ccuttone cu ‘a vocca (Il cotone con la bocca) Ripostes, Roma-Salerno, 2000, Addó ‘e lume e ‘i silenzie (Dove i lumi e i silenzi), Ripostes, Roma-Salerno, 2004 e Si pe’ piacere appena appena parle (Se per piacere appena appena parli), Edizioni Prova d’Autore, Catania, 2007.

Commenti alla sua opera poetica sono inseriti in volumi e periodici di critica letteraria. Diverse sue composizioni sono state pubblicate su riviste, tradotte in inglese e raccolte in antologie. Affianca all’attività di poeta quella di scrittore di racconti e di studioso di vari aspetti della poesia italiana contemporanea (dialettale e non), con contributi apparsi su varie pubblicazioni di letteratura.

Sulla sua poesia hanno espresso giudizi lusinghieri critici come Franco Loi, Giorgio Bàrberi Squarotti, Achille Serrao, Luigi Reina, Alberto Granese, Mario Grasso, Lidia Caputo, Francesco Piga, Giovanna Fozzer, Pietro Civitareale, Manuel Cohen.

Questa poesia è tratta da “Addò ‘e lume e i silenzie” (2004):

Arricuordete ‘e tutto chesto

Io vulesse ca tu, tu ca rimane,

nun saccio si pe’ chesto
t’aggi’ ‘a penzà felice,
nun ce stisse sultanto a ricurdà,
ma ‘a storia nosta te mettisse a dice.

Parla ‘e nuje, fa’ capisce a chi sente
tutt’ ‘a fatica fatta
p’attraversà r’ ‘e juorne
‘a terra scunfinata,
cercanno chillu grammo appena ‘e vita
ca lungo ‘a via steva sfarenato.

Tu ce stive, ce hê visto, l’uocchie tuoje
so’ gghiute ncopp’ ê ppàggene e ‘i pparole
c’hanno fatto sta storia, si a quaccuno
‘a faje cunosce, chesto ce cunzola.

Ra ‘e ccose ca tu cunte e da ‘o tremore
ca ncopp’ â faccia ‘e chi te sente vire,
chello ca simmo state piglia senzo,
ce fa quase turnà rint’a chest’aria,
càvere, come fóssemo respire.

Arricuordete ‘e tutto chesto quanno
ce vire ‘e parte cu chillu veliero
c’arriva fin’ â spiaggia immensa ‘e luce,
addó cuntente ‘amm’ ‘a affunnà cu ‘e piere.

Ricordati di tutto questo

Io vorrei che tu, tu che rimani,
non so se per questo
ti devo pensare felice,
non stessi solo a ricordarci,
ma la nostra storia ti mettessi a dire.

Parla di noi, fai capire a chi sente
tutta la fatica fatta
per attraversare dei giorni
la terra sconfinata,
cercando quel grammo appena di vita
che lungo la via era sfarinato.

Tu c’eri, ci hai visto, gli occhi tuoi
sono andati sulle pagine e le parole
che hanno fatto questa storia, se a qualcuno
la fai conoscere, questo ci consola.

Dalle cose che racconti e dal tremore
che sul viso di chi ti ascolta vedi,
quello che siamo stati prende senso,
ci fa quasi tornare in quest’aria,
caldi, come se fossimo respiri.

Ricordati di tutto questo quando
ci vedi partire con quel veliero
che arriva fino alla spiaggia immensa di luce
dove contenti dobbiamo affondare coi piedi.

The following two tabs change content below.
Tags: , , , , , , , , , ,